venerdì 30 gennaio 2009

Gli attacchi violenti a Luxuria e i non-attacchi a Napolitano

A volte veramente penso di vivere in un mondo alla rovescia e non a caso il blog che ho sulla piattaforma di Libero si chiama esattamente in questo modo. In quest'ultimo periodo ho scritto poco perchè ogni tanto necessito di "depurarmi" e il solo commentare certe notizie e certi avvenimenti fa aumentare la mia gastrite cronica.
Rigenerata forse dall'iniezione Obamiana, che in pochi giorni ha avuto un impatto politico di vero rinnovamento e cambiamento, quanto non si è visto negli ultimi 20 anni in Italia, non ultima la legge appena firmata per rendere paritari i salari tra uomini e donne, la cosidetta legge Lilly, mi decido a commentare una notizia e ad esporre una mia riflessione.

Possibile che si considerino "attacchi" blande parole di critica (che in una democrazia dovrebbe essere costante) a Napolitano e invece si fa finta di nulla quando si attacca verbalmente una persona, in alcuni casi incitando alla violenza e all'omicidio?

Giudicate voi. Ecco due esempi di gruppi nati su Facebook il cui titolo già dice tutto e dove i commenti degli iscritti (uno semplicemente dice: "a morte Luxuria") sono a dir poco terrorizzanti.

"Uccidiamo Vladimir Luxuria"
"Sopprimiamo Vladimir Luxuria"

Ma non è reato istigare alla violenza e addirittura all'omicidio?

Al contrario, dove lo vedete l'attacco e l'offesa, se Di Pietro dice: "Siamo dei cittadini normali che ci permettiamo di dire a lei, signor Presidente della Repubblica, che dovrebbe essere l'arbitro, che a volte il suo giudizio ci pare poco da arbitro e poco da terzo" ?!?

Un mondo alla rovescia...non c'è che dire

venerdì 16 gennaio 2009

A' Livella

Credo che questa magnifica poesia di Totò contenga ancora oggi perle di ironica saggezza che questo grande, inimitabile ed eterno artista napoletano ci ha voluto donare.

Il primo ricordo che ho di questa poesia appartiene alla mia infanzia. Avevo forse 10 anni e mia nonna aveva l'abitudine di far venire il "garzone" di un parrucchiere (forse allora era ancora solo barbiere) fino a casa a farsi lavare e pettinare. Non so se fosse un abitudine di allora, di una Napoli dei primi anni 70, quando ancora il rapporto tra artigiano, commerciante e "consumatore" era soprattutto un rapporto umano più che una questione di "pil", piuttosto che un piacere che veniva fatto ad un'anziana signora che non poteva facilmente uscir di casa. Ma non eravamo, e non lo siamo neanche oggi, "ricchi" e ho l'impressione che in questi tempi moderni, in questa Napoli moderna, pur ancora molto artigiana (in alcuni quartieri il negozio al dettaglio continua a vincere contro i supermercati) questo sarebbe considerato solo un lusso da ricchi.

Ebbene questo garzone, finito di lavare e pettinare mia nonna, ogni volta ci recitava A' Livella e la interpretava così bene che la prima volta che l'ascoltai ebbi quasi paura. Forse ora che non sono più una bambina dallo sguardo incantato non lo troverei così bravo ma devo comunque a lui se ancora oggi questa perla rimane nel mio cuore.



A' Livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

lunedì 12 gennaio 2009

le meraviglie di internet

da questo punto di vista Internet ai giorni nostri è assolutamente imbattibile. Negli ultimi periodi, grazie ad Internet e ai miei blog, questo come quello di Libero, come naturalmente grazie alla pubblicazione del mio romanzo, mi hanno ricontattato amici e amiche di vecchia data, anche un amico di infanzia, che per svariati motivi non vedevo più da molto moltissimo tempo. Probabilmente in passato volendo rintracciare qualcuno ci si riusciva, con più fatica ma ci si riusciva. Ma la facilità con cui ora si raggiunge una persona di cui non sapevi più nulla da decenni e che magari vive in un altro continente, permette di riallacciare legami che altrimenti sarebbero stati persi del tutto.

Informazione pluralista e alternativa
Comunicazione e scambio di idee e pensieri
Amicizia e anche Amore (in fondo tramite internet ho conosciuto la mia splendida morosa con cui ho una bellissima storia da quasi sette anni)

Si...decisamente è Internet delle meraviglie....se ben utilizzata ^_*